Il cuore di François Van der Elst non ce l’ha fatta. L’ex calciatore dell’Anderlecht e del Belgio è morto all’età di 62 anni. Ricoverato nel giorno di Capodanno per problemi cardiaci, l’ex attaccante era stato costretto alle cure dei medici poco dopo aver festeggiato in famiglia l’arrivo del 2017. Le sue condizioni di salute sono apparse subito gravi: nonostante il tentativo di tenerlo in vita, quel muscolo che – armato di passione – ne aveva scandito il percorso in carriera ha ceduto dopo il malore. Negli ultimi giorni s’era quasi persa la speranza di riuscire a salvarlo tanto che in ospedale era rimasto attaccato alle macchine.
Van der Elst è’ stato uno dei più grandi protagonisti della storia del calcio belga che scollina tra gli Anni Settanta e Ottanta. All’Anderlecht arrivò nel 1969 e vi è rimasto fino al 1980 divenendo una delle colonne della formazione che sancì il proprio dominio in campionato e riuscì anche a farsi largo nel panorama continentale conquistando la Coppe delle Coppe per due volte e la Supercoppa Europea (due trofei).

Chiusa la sua esperienza con i viola del Belgio, Van der Elst indossò la casacca dei New York Cosmos negli States prima di fare ritorno nel ‘vecchio continente’ e varcare la Manica per sbarcare in Premier (il West Ham ha postato sul proprio account di Twitter un messaggio di cordoglio per l’ex calciatore). Ultimi anni di carriera di nuovo in Belgio, al Lokeren, fino al ritiro nel 1986. Per dieci anni (dal 1973 al 1983) è stato uno dei pilastri della nazionale, dove ha raccolto 44 presenze e segnato 14 gol.

FONTE: FANPAGE

SHARE