Il Napoli batte agevolemente il Parma al San Paolo e cancella la brutta sconfitta contro il Milan. La squadra di Benitez centra l’obiettivo e ora potrà concentrarsi al meglio per la sfida si Supercoppa contro la Juventus. Le reti degli azzurri portano le firme di Zapata e Mertens. Ecco il resoconto dell’incontro come raccontato da gazzetta.it:

Vittoria doveva essere e vittoria è stata per il Napoli contro un Parma che ha offerto poca resistenza in virtù delle tante assenze, di una situazione societaria ancora da chiarire e di un atteggiamento poco propositivo. Benitez arriva alla Supercoppa di Doha contro la Juve con un pizzico di entusiasmo e qualche certezza in più. Zapata, ad esempio, ormai non va considerato una riserva, ma comincia seriamente ad insidiare Higuain, lasciato a sorpresa in panchina. Per il Pipita è la terza esclusione iniziale nelle ultime cinque gare ufficiali. Dal canto suo, Donadoni preferisce in avvio De Ceglie a Rispoli e Galloppa a Lodi. Mediana più di quantità con Acquah e Mauri. L’ex della partita opta per il 4-4-2, allargando spesso Palladino a destra con Cassano punta centrale.

Ad aprire le danze é un destro alto di Callejon dopo una punizione sulla trequarti battuta in fretta dal Napoli. I ritmi però sono blandi, complice anche la disposizione in campo molto accorta del Parma, che pensa innanzitutto a non lasciare spazi, ma che quando può prova a mettere il muso nella metà campo del Napoli. Come spesso accade in questi casi, la partita si sblocca al primo tiro in porta. Cross mancino di Maggio, bucano tutti e Zapata vince il duello di forza con Paletta e poi realizza il suo quarto gol in campionato con un destro potente da distanza ravvicinata. Per il colombiano è la quinta rete stagionale. Dieci minuti di nulla e poi nuova scossa alla partita: traversone di Ghoulam, Gobbi si fa superare dal pallone e da Callejon per poi atterrarlo con un tocco che per Di Bello è da rigore. Mertens va sul dischetto e si sblocca in campionato, nonostante Mirante intuisca e sfiori la conclusione del belga. Il Parma, già ultimo ed in crisi societaria, si scioglie alle prime difficoltà (che si intuiscono pure da due velleitarie conclusioni di Cassano) e così Britos di testa sfiora il tris prima che il tempo si chiuda.

La ripresa inizia con il Parma che inserisce Rispoli per De Ceglie. Donadoni sposta Palladino a sinistra, ma la prima emozione la regala ancora Zapata rubando palla a Galloppa: la volata del colombiano è stoppata da Mirante in uscita disperata. Zapata é un incubo per Paletta ed al 12′ in diagonale impegna Mirante, che poco prima aveva bloccato un tiro di Ghoulam dalla distanza. La superiorità del Napoli è palese e Callejon spara a lato di poco al 16′ facendosi ancora beffe di Gobbi. Stessa scena al 21′, ma stavolta é Mirante ad opporsi allo spagnolo. Gli azzurri non sprecano energie preziose in vista di lunedì e calano la concentrazione, così Lodi rischia di riaprirla cogliendo il palo a Rafael battuto con una deliziosa conclusione mancina. I nuovi entrati sono quelli che si vedono di più ed Higuain impegna Mirante poco dopo aver preso il posto di Zapata. Poi sono solo cori anti Juve da parte del San Paolo e l’invito alla squadra a vincere a Doha. La Supercoppa è già iniziata.

fonte:gazzetta.it

SHARE