Il vento è cambiato al Milan. Dalle turbolenze con la proprietà cinese alla stabilità garantita da Elliott. Che si sente sempre più coinvolto nella faccende relative al club rossonero e sta già pianificando il futuro.  Il fondo anglo-americano investirà nuovamente sul mercato nel tentativo di allestire una rosa ancora più forte e all’altezza.  In caso di raggiungimento dell’obiettivo stagionale, vale a dire la qualificazione alla prossima Champions League. Obiettivo più che mai alla portata di Romagnoli e compagni.

I PARAMETRI – C’è una linea di pensiero al Milan che trova i favori di tutte le componenti societarie. La priorità è quella di migliorare la qualità della rosa andando ad inserire profili giovani e forti, così come è stato fatto a gennaio con Piatek e Paquetà. In tal senso Gazidis va grande affidamento al lavoro di ricerca di Moncada e dei suoi collaboratori: Dani Olmo e Antonio Marin della Dinamo Zagabria, il forte difensore centrale classe 1999 del Marsiglia Boubacar Kamara sono nomi da tenere in considerazione e che sono saranno seguiti passo dopo passo fino al termine della stagione. Come ha ricordato Maldini, nel corso della conferenza stampa di presentazione di Piatek, non c’è nessuna preclusione verso i profili più esperti ma a determinate condizioni: costi contenuti, integrità fisica e grandi motivazioni.  I GRANDI OBIETTIVI – Non è assolutamente un mistero che il vero pallino di Leonardo è Sergej Milinkovic-Savic, un giocatore sul quale ci sarebbe anche l’intenzione di fare un sacrificio economico di rilevante importanza. Il filo con il suo agente Mateja Kezman non si è mai spezzato, forte di un rapporto di amicizia decennale. E anche Lotito rivedere le sue posizioni e avere interesse a sedersi al tavolo della trattativa con Elliott. Come raccontato (LEGGI QUI), Saint-Maximin del Nizza è un obiettivo concreto ed è inserito  in una lista che comprende anche Gerard Deulofeu e Yannick Carrasco. Senza dimenticare il riscatto di Timouè Bakayoko, caldeggiato con forza dallo stesso Rino Gattuso. Elliott vuole sfruttare la volontà del giocatore di rimanere a Milanello ma non sarà facile ottenere uno sconto sui 38 milioni di euro previsti per riscattarlo dal Chelsea. 

Inter, tentativo per Chiesa

L’Inter fa sul serio per Federico Chiesa. La presenza in tribuna a Bergamo di Piero Ausilio, ieri pomeriggio, non è passata inosservata. Un segnale in più dell’interesse nerazzurro nei confronti dell’attaccante della Fiorentina. E all’orizzonte si preannuncia l’ennesimo Derby d’Italia di mercato con la Juventus.

SITUAZIONE – I Della Valle sognano, in caso di ritorno in Europa, di riuscire a trattenerlo almeno per un altro anno, ma le sirene per Chiesa stanno diventando sempre più forti. La Juve da mesi è in pressing per portarlo a Torino, però nelle ultime settimane l’Inter ha risalito diverse posizioni. Un monitoraggio costante quello nerazzurro, nato dalla voglia di regalarsi un talento giovane e italiano per rinforzare il reparto offensivo. Le prestazioni brillanti del ventunenne hanno fatto il resto, portando i dirigenti nerazzurri ad avviare i contatti. In caso di addio, a Firenze sperano in un’asta che faccia lievitare il prezzo, magari oltre gli attuali 70-80 milioni di valutazione. Seguono la vicenda con interesse anche il Napoli (Della Valle l’estate scorsa ha detto no a 50 milioni offerti da De Laurentiis) e il Liverpool, che in più di una circostanza avrebbe chiesto informazioni ai dirigenti viola. 

CONTROPARTITE – Ovviamente – se da un lato la Fiorentina spera in un effetto al rialzo – i club interessati invece vorrebbero abbassare l’investimento economico con l’inserimento di possibili contropartite tecniche. Due i nomi che la Fiorentina apprezza in casa Inter: uno di vecchia data e l’altro più recente. Il primo è Yann Karamoh, che la Viola aveva cercato di portare in Italia dal Caen due anni fa, proprio qualche settimana prima della firma con l’Inter. L’altro elemento che stuzzica i gigliati risponde al nome di Eddie Salcedo, punta classe 2001 che si sta mettendo in luce con la Primavera. Ci sarà tempo e modo da qui all’estate per approfondire tutti questi discorsi. Intanto l’Inter ha acceso i radar e mosso i primi passi nella corsa a Chiesa. La Juve, che fino a qualche settimana fa sembrava in vantaggio, è avvisata.

fonte: calciomercato.com e fcinternews.it

SHARE