“Non volevo lasciare il Milan, soltanto giocare di più”. Lo ha ammesso con sincerità André Silva, la sua scelta di un addio ai rossoneri dopo un solo anno è stata dettata dalla volontà di non passare un’altra stagione in panchina a 23 anni con Higuain e Cutrone davanti. Di certo, una mossa che ha premiato e che ha dato grande entusiasmo al centravanti portoghese: al Siviglia è felicissimo, ha già segnato sette gol in Liga, sta trascinando e diventando idolo. Non a caso, Jorge Mendes ha aperto alla soluzione del prestito con diritto di riscatto perché non esclude di vederlo ancora a lungo con il club andaluso. E il Milan cosa pensa di fare?

LA SCELTA DI LEONARDO – La decisione della dirigenza rossonera è chiara: Leonardo in primis stima André Silva ma sa perfettamente che di fronte al riscatto del Siviglia non ci sarebbe nulla da fare. Il Milan non proverà manovre per evitarlo o rilanci, se gli spagnoli vorranno versare i 35 milioni del riscatto (in quattro rate annuali) il portoghese sarà totalmente di proprietà del Siviglia.Al momento si va in questa direzione, ma la stagione è lunga; e se questo non accadesse? Il Milan non esclude di inserirlo nella rosa del prossimo anno, anzi. E’ un’opzione concreta, dipenderà anche dall’allenatore che siederà sulla panchina rossonera. Ma c’è lo spettro di Mendes che continua a spingere per la Spagna o l’Inghilterra, più che su un nuovo tentativo con il Milan. Leonardo lo terrebbe volentieri ma non farà la guerra per il ritorno di André Silva. Con il Siviglia che sta già studiando il modo di riscattarlo…

fonte: calciomercato

loading...
SHARE