In caso di mancata qualificazione alla Champions League, in casa Milan tanti potrebbero cambiare aria. Da Suso a Kessie senza escludere Calhanoglu e Romagnoli.

La Champions League, tanto agognata. Per il Milan qualificarsi alla massima competizione europea sarebbe fondamentale anche in chiave bilancio. I rossoneri hanno speso quasi 400 milioni di euro dall’estate 2017 e i risultati ancora stentano ad arrivare. Per questo, senza i fondi che arriverebbero in caso di qualificazione, sarebbe assolutamente necessario cedere sul mercato, anche in ottica di una sentenza Uefa in corso.

Calciomercato Milan, quanti nomi in partenza

Oltre al mancato riscatto di Bakayoko, tante sarebbero le partenze senza la Champions, con il club che andrebbe poi ad effettuare un mercato al risparmio, a caccia soprattutto di giovani promettenti. A dire addio potrebbero essere innanzitutto Suso e Kessie, due dei giocatori con il cartellino dal valore più elevato, in primis l’ivoriano, che ha più mercato e che potrebbe finire in Premier League.

Un altro giocatore che pare avere parecchio mercato è Calhanoglu, che piace in Germania ma anche in Inghilterra. Dalla sua cessione il Milan vorrebbe ricavare almeno 30 milioni di euro. In attacco è da valutare la situazione legata ad Andre Silva: il portoghese potrebbe partire per una cifra vicina ai 30 milioni, ma potrebbe pure restare, soprattutto se a salutare dovesse essere Cutrone. Ma il posto certo non sembrano averlo nemmeno Romagnoli e Donnarumma. Se il Milan dovesse essere costretto a fare cassa, non è escluso che anche uno di loro due possa finire sul mercato. Il difensore piace alla Juventus, mentre sul portiere potrebbe tornare alla carica il Paris Saint-Germain (deluso da Buffon) oppure potrebbe farsi sotto il Manhcester United, in cerca del dopo De Gea.

fonte: calciomercatoweb.it

SHARE