La Juventus di Massimiliano Allegri é attesa da un doppio impegno che potrebbe rivelarsi fondamentali per il proseguo della stagione. Prima la Fiorentina al Franchi e subito dopo il match di Champions contro l’Atletico Madrid. Il doppio impegno immediato e altri temi sono stati al centro della conferenza stampa tenuta dall’allenatore bianconero che non ha risparmiato qualche frecciatina alla Roma….

Ecco le parole di Allegri riprese da sportmediaset.it:

Dopo un derby come quello appena giocato come sta psicologicamente la squadra: rafforzata per la vittoria arrivata in extremis o pervasa da insicurezza per come si è giocato? 
“Il Torino poteva vincere così come noi potevamo e abbiamo fatto. Non c’è preoccupazione, non c’è insicurezza, c’è convinzione e voglia di fare bene”
Che squadra è la Fiorentina? Ci sono giocatore della Juve particolarmente stanchi?
“Non ho giocatori in affanno, ci sono infortunati, cose ch ecapitano. Ho recuperato Ogbonna, Evra sta bene, Mattiello mi dà garanzie. La Fiorentina sta dimostrando di essere in forma, giocare a Firenze non è facile, è una rivale storica, c’è sempre una grande rtensione, pensiamo a venire via con un risultato positivo”
Farà un mini turn-over vista Champions?
“Può essere, posso valutare l’ipotesi Padoin, a centrocampo ho Pereyra, davanti c’è Giovinco… Insomma ho tante possibilità. SO che c’è la Champions ma mi concentro sulla partita di Firenze. Anche per il centrocampo ho tante chances, posso far ruotare tanti giocatori: ma ad oggi si pensa solo alla Fiorentina, all’Atletico Madrid ci penseremo dopo”.
Morata titolare?
“Ha voglia di giocare come tutti, chiunque morde il freno per essere protagonista”.
Quello passato è stato il novembre migliore della sua carriera?
“Non so se sia stato il mio novembre migliore, abbiamo fatto tutto abbastanza bene, adesso avviamoci alla chiusura di anno nel modo giusto, stando davanti in campionato e puntando a vincere il primo titolo contro il Napoli, con la Supercoppa italiana
A gennaio nuovi innesti per far fronte agli infortuni?
“Caceres sta lavorando per rientrare, Barzaglia ci vuole un po’ di più, per Asamoah sappiamo come è andata. Poi vedremo a gennaio se fare nuovi innesti”.
Tevez il solo imprescindibile?
“Tevez ha saltato alcune partite, non è vero che non rinuncio mai a lui. Oggi farò le mie valutazioni”.
A Roma sono convinti di poter vincere lo scudetto. Cosa risponde?
“Io non rispondo nulla. Penso solo alla Fiorentina, a vincere per restare davanti, per avere tre punti di vantaggio, è normale che pensino di poterlo vincere, è normale che la stessa cosa la pensiamo noi, sarà una bella lotta fino alla fine. Sono convinti loro, siamo convinti noi… Questa è una squadra fatta di giovani ambiziosi e di vecchietti che incarnano lo spirito Juve. Far sempre meglio? Fare più di 102 punti? Non penso a questo, penso al gioco, penso che sotto questo profilo si possa e si debba sempre  migliorare”.
Perché questo calo nel derby?
“Il calo nel derby non è stato evidente. Abbiamo preso un gol evitabile, bellissimo ma evitabile e giocare contro il Torino non è facile. Abbiamo creato, abbiamo corso e se è vero che non è stata una partita tecnicamente bella è stata comunque combattuta”.
Questa Juve può sedersi al ristorante da 100 euro che aveva indicato Antonio Conte riferendosi alla Champions?
“Arriviamo agli ottavi, consolidiamoci poi tra le prime otto in Europa. Questo l’obiettivo, contando che tra Pogba, Koman, Morata, Mattiello abbiamo giovani fortissimi… Lavoriamo in prospettiva, continuiamo così e andremo lontano”.

fonte: sportmediaset.it

SHARE